la corsa verso il cielo delle Apuane

la corsa verso il cielo delle Apuane

lunedì 21 febbraio 2011

LUNGO con incorporata "mezza maratona di Scandicci"

Domenica dedicata, nuovamente, ad un "lungo". L'impegno del "Passatore si avvicina e bisogna abituarsi a stare sulle gambe (una teoria è quella di arrivare a trovare normale correre ed essere in crisi quando non lo si fa!!!!!).
L'idea era quella di partire da casa, arrivare di corsa a Scandicci e correre la mezza maratona; chilometri preventivati circa 37/38.
 L'appuntamento era ai giardini dell'Antella con Duccio alle 7,35 (che poi, per lui son diventate le 7,40) e con Silvia alla rotonda del Ponte a Ema, davanti al distributore della Q8, alle 8,00. Sulla spianata del Niccheri, davanti all'Ospedale, abbiamo agganciato anche lo "zero" che ci ha accompagnati fino alle porte del Galluzzo.
L'andatura era tranquilla, la compagnia piacevole  e le chiacchiere piacevoli; chiacchiere che vertevano, per lo più, sulle passate esperienze dello "zero" che con i suoi 12 Passatori fatti è una fonte inesauribile di anedotti.
All'ingresso di Scandicci ci sono venuti incontro Maurizio e Silvio de con loro abbiamo aspettato il via della gara. Avevamo già messo in saccoccia 17 chilometri ad un ritmo leggermente più veloce di quello che  ci eravamo prefissati (dovevamo andare a 6'/km ed invece eravamo di circa 10/15 secondi a chilometro più veloci) ma il ritmo cardiaco era nel range giusto e, quindi, siam partiti per la mezza continuando sullo stesso ritmo.
I chilometri scorrevano veloci e sembravan tutti fatti con lo stampino (la velocità oscillava tra i 5,40 e i 5,45/km)
Riuscivamo a parlare tranquillamente, a scherzare e devo dire che ancora la fatica non si faceva sentire.
25°, 26°, 27° e tutto andava  a meraviglia. Eravamo partiti nelle ultime posizioni e questa nostra andatura riusciva a farci recuperare molti podisti.

31°,32°,33°,34°, 35° e vediamo, davanti a noi, Valdemaro. La nostra velocità, come avevamo concordato inizialmente, dal 31° è aumentata. Siamo ora sui 5,30 a chilometro e stiamo correndo piuttosto bene. Raggiungiamo Valdemaro, un pò in difficoltà dopo i malanni della settimana, e lo superiamo continuando sul nostro ritmo e arriviamo al traguardo dopo aver percorso 38,740 chilometri in 3h, 44', 19". (la maratonina l'abbiamo chiusa in 2h, 01', 30")

giovedì 10 febbraio 2011

Ma che avrà da ridere.............



Ma che avrà da ridere quel tipo dietro di me con la pettorina arancione????
A volte si tratta di incoscienza giovanile e, infatti, io, che son più vecchio, di ridere non ci penso proprio. Probabilmente, quel tipo, con la fanciulla accanto (anche lei incosciente???????? boh, non la conosco a sufficienza per esprimere un giudizio), non si rende conto di quello che l'aspetta. No, non è "il passatore" che abbiam deciso di provare a fare il prossimo fine maggio, ma è "LA PREPARAZIONE AL PASSATORE" che ci dovrebbe spaventare.

Chilometri, chilometri, chilometri e ancora chilometri a dispetto di chi sostiene (i famosi teorici che non hanno fatto mai neanche una vera maratona) che i lunghi, per preparare il passatore, non sono indispensabili.
Poco fa stavo dando un'occhiata al lavoro svolto in queste ultime settimane e mi sono spaventato se penso ai 35/45 chilometri settimanali che facevo prima. Adesso viaggio (anzi, viaggiamo con il podista ...dal sorriso facile) sui 60/70 e, la settimana scorsa addirittura 78, complice il lungo di domenica scorsa


Devo dire che dopo i 35 km. di domenica abbiamo recuperato piuttosto bene e, martedì, quando siamo usciti per fare un "quindicino" le gambe giravano che era un piacere.
SPERIAMO DI CONTINUARE COSI'...........................


martedì 1 febbraio 2011

LA RONDA GHIBELLINA

Dopo un'avventura di oltre 3h e 23', 27 km. percorsi sotto la pioggia, a tratti sotto la neve, con un freddo cane, dopo aver guadato due torrenti dove l'acqua arrivava sino alle cosce (son basso, un altro pò e mi toccava nuotare) e per non farsi mancar niente un bel tratto in mezzo ad un campo arato con fossato da saltare finale, l'espressione della faccia non mi sembra eccessivamente tremenda.
Eh si! La Ronda è stata una bella avventura, un trail veramente tosto e questo, indipendentemente dalle pecche che ci sono state nell'organizzazione. Pecche che, come ho detto anche nel forum di spirito trail, sono dovute essenzialmente all'inesperienza e che ci possono stare nella prima edizione (solo sulla sicurezza bisognava, sin da subito,  porre più attenzione) e che serviranno a Gasolio (uno degli organizzatori) per far meglio l'anno prossimo.
Un trail tosto, dicevo, che ha messo a dura prova i partecipanti soprattutto quelli un pò più sporvveduti che l'avevan preso sottogamba.

Dislivelli positivi importanti, forse non i 1400 dichiarati dall'organizzazione ma, se il mio GARMIN non ha sbagliato, dovrebbero essere poco più di 1.100 D+. Comunque tosti a partire dall'inizio quando, dopo poco meno di due chilometri siamo entrati nel bosco e abbiamo cominciato ad arrampicarci (letteralmente) sino al 6° chilometro. Da lì non era certo finita ma il tratto di salita peggiore era fatto anche se la salita e, soprattutto il fango scivoloso (nel tratto di bosco), la pozze d'acqua larghe tutto il sentiero dove qualcuno c'è finito dentro, ci hanno messo a dura prova.
Fino al 15° è stao così; salite alternate a ripide discese finch'è non è arrivata la vera lunga discesa che ci ha portato fin quasi al livello di partenza. Nuova salitella con relativa discesa e poi 5 chilometri di pianura compreso il guado dei torrenti e il fango finale del campo arato.
Bilancio finale più che positivo sia per i sentieri percorsi, sia per la fatica fatta sia per l'andatura che sono riuscito a tenere.
Alla prossima

PROGRAMMA GARE ANNO 2012

  • 1/2/3 giu 2012 - Tour dei laghi - gare a tappe OK
  • 10 giu 2012 - TRAIL di FONTESANTA - organizzazione - OK alla grande
  • 15 lug 2012 - Sky Race Alpi Apuane - Km 24 OK alla grande
  • 28 ott. 12 Chainti Trail - 18 km
  • 04 nov. 12 - l'eroica running - km.43